© 2023 by The Book Lover. Proudly created with Wix.com

In principio era il verbo. No, in principio era il sesso.
(Antonio Gramsci)

Week end con sorpresa!

May 14, 2018

Buon lunedì a tutti,

oggi ho iniziato la giornata ascoltando la canzone di un gruppo musicale che da un po’ di tempo in effetti non sentivo… anche perché è uscito di scena nel 2012.

Parlo dei The Cardigans, band svedese fondatasi nel 1992 nella città di Jönköping, arrivata al successo nel 1995.

Avevo un motivo per non ascoltare le loro canzoni, mi facevo prendere dalla nostalgia, infatti avevo conosciuto questo gruppo grazie ad un amico svedese che viveva a Milano.

Era simpaticissimo oltre che un gran bel pezzo di ragazzo, comunque era fidanzato, in realtà a me veniva la tristezza perché era legato ad un periodo della mia vita molto spensierato, quello dell’università, i primi viaggi all’estero, in cui dovevi per forza metterti in gioco perché eri da sola senza nessuno che potesse darti una mano.

Ovviamente tra i primi viaggi c’è Londra, una delle mie città preferite… e proprio qui io e Ian avevamo fatto un week end con un altro suo amico, eravamo due coppie anche se di fatto io e il suo amico non stavamo insieme, voleva andare a trovare la sua ragazza che viveva lì e non vedeva da un mese…

Ecco se ci penso bene forse è per questo che dopo questo week end ho evitato le sorprese, mi sono sempre piaciute le sorprese invece… povero Ian…

Arrivammo all’appartamento dove stava Lara (si chiamava così), ma ahimè non era sola, ecco in realtà… non so come dirvelo… cioè lei… era con un’altra ragazza!

Potete immaginare il mio amico, completamente sconvolto. Anche se devo dirlo, cioè come fai a non accorgerti che alla tua ragazza piacciono le belle donne?

Infatti io e Rob (il suo amico si chiamava così) lo portammo subito in centro, io ero convinta che un giro sul bus potesse fargli bene, ma appena arrivati a Soho volle infilarsi in un pub.

Ecco forse era il modo giusto per elaborare la cosa, però… cioè io volevo assolutamente andare in giro perché era tanto che volevo tornare a Londra e ovviamente volevo girarla un po’. Così dopo due birre al Pub proposi di andare al parco, girare a piedi insomma, prima però feci scorta di birre. Se le portò lui nello zaino. E mentre camminava mi parlava, i primi quindici minuti solo in svedese, non so voi ma io lo svedese non l’ho mai capito.

Quindi dopo che si fu sfogato per bene gli dissi: “Ian scusa ma non ho capito niente… puoi partire daccapo?!”

Lui fissò i suoi intensi occhi azzurri nei miei e disse: “Au (mi chiamava così) quanto volevi aspettare a dirmelo? Cioè ho parlato per mezz’ora…” per fortuna intervenne Rob e disse: “tranquillo era solo un quarto d’ora…” lui ci guardò sconvolto ma poi riprese a parlare come se niente fosse e ci rivelò un dettaglio molto importante.

Il dialogo si svolse più o meno così: “Cioè Au, non è che non mi ero accorto che era un po’ strana, ma pensavo che fosse di vedute aperte tutto qui, infatti più di una volta ha accennato al fatto che gli sarebbe piaciuto “condividermi” con un’altra…”

Io: “io non ti avrei mai condiviso con nessun’altro! Insomma Ian sei una persona così speciale che se uno ha la fortuna di stare con te… ecco io no, sono gelosa delle persone che amo quindi no! Non è questione di avere vedute aperte ma semplicemente di non amarti.”

“Tu dici?”

“Sì.”

Rob: “bè adesso che non state più insieme posso dirtelo… Lara ci ha provato con me.”

Ian: “In che senso?” stravolto.

Rob: “una sera che eravamo da soli in soggiorno mentre tu facevi la doccia… mi ha baciato e poi mi ha chiesto se volevo stare con voi due quella notte. Io risposi di no, le dissi che tu eri un mio amico, ma fare sesso a tre era un’altra cosa. E lei mi fece promettere di non dire niente. Io certe cose amo farle in modo tradizionale. Secondo me non ti sei perso niente era solo una grandissima tik”

 

Poi Rob guardò me e mi strizzò l’occhio.

Io avvampai e azzardai: “vedi Ian che non è la donna per te? Scusate che vuol dire tik?”

Rob: “sgualdrina, zoccola…”

Io ammisi: “vedi non era la donna per te… ne troverai di sicuro un’altra!”

Lui annuì e si scolò tutte le altre birre mentre io e Rob ammiravamo le anatre a Regent’s Park…

Adesso avete capito no? fu un triste week end, anche se grazie al nostro affetto Ian si riprese in poco tempo, ascoltava sempre i Cardigans e col lettore mp3 andavamo in giro per Milano con un auricolare per ciascuno.

Io li associo a lui...

Ciao Ian ovunque tu sia…

 

Aurora Redville

 

 

Share on Facebook
Share on Twitter
Please reload

Featured Review

Sardegna, terra di mare e di surf, quello che non ti aspettavi.

September 27, 2018

1/5
Please reload

Tag Cloud
Please reload