• Aurora Redville

“𝐒𝐮𝐥𝐥𝐞 𝐨𝐫𝐦𝐞 𝐝𝐞𝐥 𝐁𝐫𝐢𝐯𝐢𝐝𝐨” di 𝐆𝐢𝐚𝐧𝐥𝐮𝐜𝐚 𝐀𝐫𝐫𝐢𝐠𝐡𝐢

A un anno di distanza dal suo ultimo romanzo “Intrigo in Costa verde” storia ambientata in una piccola città nel versante sud occidentale della Sardegna, ritroviamo in libreria Gianluca Arrighi con un’antologia che riunisce alcuni dei suoi racconti più belli: “Sulle orme del Brivido” Edizioni Mea (15 ottobre 2021) 272 pagine.

Una pubblicazione avvenuta grazie ad un lungo corteggiamento dei fondatori della giovane Casa Editrice: Antonio, Franco, Geltrude e Tonino, che volevano Gianluca Arrighi tra i loro autori.


Il filone noir/thriller è sempre più apprezzato tra il pubblico anche grazie alle numerose serie tv, e da qualche anno anche io mi sono affezionata al genere leggendo più romanzi sia stranieri che italiani, anche se non mi capita spesso di imbattermi in questo tipo di raccolte. Sono rimasta ipnotizzata dalla bellissima copertina di Daniela Molisso: non poteva essere più azzeccata, di grande impatto, la guardi e capisci già che sarà una lettura piacevole e individui anche il genere narrativo. Questa raccolta di sedici racconti inizia con La vendetta di Paolo, una storia che davvero ti colpisce, sono tutti racconti adrenalinici che ti tengono incollato alle pagine che scivolano una dietro l’altra. L’indagine dell’autoresi addentra come sempre tra i meandri dell'animo umano, colto nella sua metà oscura e nella sua profondità insondabile.

La maestria di Arrighi è in parte dovuta al lavoro che svolge, la conoscenza della giustizia e i suoi meccanismi, ma la scrittura fluida e generosa è un talento naturale, costruisce delle storie che si incastrano perfettamente, un tassello alla volta, lasciando il lettore stupefatto e soddisfatto, ed è anche per questo che è considerato uno dei grandi maestri del giallo italiano.

Per me la cosa più bella del leggere è quando un romanzo o un racconto ti fanno vivere emozioni, e i racconti gialli devono contenere alcuni ingredienti imprescindibili: suspense, intrigo e imprevedibilità, oltre che una buona dose di brivido!




Consiglio la lettura a tutti gli appassionati del noir, thriller e giallo poliziesco, ma anche a chi si approccia per la prima volta a questo genere.

Ho anche avuto il piacere di parlare con Gianluca del suo nuovo progetto:

Com’è nata l’ispirazione per questa raccolta di racconti?

L'ispirazione, quando scrivo romanzi e racconti, nasce dalla mia quotidiana esperienza nelle aule di Giustizia. Sono un criminalista ormai da vent'anni e mi sono sempre occupato di delitti efferati e reati di sangue.

Ti piace di più scrivere racconti brevi o romanzi?

L'approccio alla scrittura di un romanzo è differente rispetto a quella del racconto. Il romanzo richiede una trama molto più articolata, una caratterizzazione dei personaggi decisamente maggiore, un profondo studio delle fonti su cui si fondano le peculiarità della storia narrata. Scrivere racconti, per quel che mi riguarda, è invece un'esperienza adrenalinica, suggestiva e sicuramente più immediata. Mi diverto sempre tantissimo quando scrivo novelle brevi.

Progetti per il futuro?

Ormai sono un attempato giuriscrittore quarantanovenne. In quasi mezzo secolo di vita, per mia grande fortuna, ho realizzato tutti i sogni e i progetti che avevo sin da ragazzo. Adesso, raggiunta la notorietà, ricevo sempre tante proposte interessanti. Chissà, magari alcune di esse si trasformeranno in qualcosa di concreto. Per ora mi godo il grande successo che sta ottenendo "Sulle orme del brivido" e, nel frattempo, continuo a scrivere... ;)

Buona lettura

Aurora Redville

4 visualizzazioni0 commenti